La miseria della stampa tedesca

- Yg. 1921, No. 6 -

"Siamo stati irrimediabilmente e spudoratamente mentiti e traditi dai nostri giornali." Questo è stato il verdetto di uomini molto calmi e molto premurosi nei circoli più conservatori quando hanno avuto l'opportunità di guardare al danno alla loro buona fede - 1918 in autunno. E non fece un'impressione così grande all'epoca in cui la stampa si difendeva. Naturalmente lo ha fatto, poiché ogni peccatore ha ragione.

In primo luogo, ha detto: "Gli altri, i nemici, non lo hanno fatto meglio di noi." Questo era in parte vero, e in parte no. Chi in tempo di guerra z. Ad esempio, il Times ha letto la sua rubrica quotidiana: "Attraverso German Eyes", che sa che il lettore di giornali inglese era perfettamente aggiornato con tutto ciò che la stampa tedesca aveva da dire. I nostri giornali, d'altra parte, ci hanno dato un po 'di "tenente" alimentato da "tenente" o ancora più mendace "Tidende" come "voce di stranieri". E in secondo luogo, diceva: "Noi aveva mentire a comando! L'AOK ha chiamato e tutti, tutte le logge. Solo per dovere patriottico! "Così sia. Dovevi mentire. Ma poi rimane così: siamo stati mentiti e ingannati. Fortunatamente per te che il pubblico tedesco è il più bonario di tutti e il pubblico con il ricordo più corto.

Oggi oggi si dice che dovremmo lasciar passare il passato. Ricostruzione, unità, fiducia: ecco di cosa si tratta ora. Bello e buono. Sebbene ci si possa chiedere se un essere umano e un popolo possano imparare qualcosa, se si impegnano a mettere da parte le loro esperienze più drastiche e sostanzialmente a dimenticare un ritmo.

Ma ora sul cuore! È molto diverso oggi rispetto a allora? Il comando dell'esercito supremo non è più lì. Per questo, qualsiasi durezza o altro importante autore di finanze pesanti ha saldamente in mano la stampa. Ma non si può servire la verità e il mammone, da qualche parte - approssimativamente - dice il Vangelo. Tuttavia, il capitale non è onnipotente; non su tutti gli organi di stampa può mettere il suo pugno duro di vasta portata. Ma anche allora il lettore di giornali tedesco non manca il suo destino; la mano più flessibile del suo potere di partito lo attende e massaggi e valzer attraverso il biederen nella sua carta del corpo, senza nemmeno sospettare. Poiché i signori possono dire addio ai loro accompagnatori, possono essere i più onorevoli - sono tutti, tutti onorevoli - ma vivono nella convinzione che il pane della lucida verità semplicemente non è salutare per il nostro stomaco debole.

Chiunque abbia un palato da assaggiare noterà che è così, nel disordine sontuoso che gli viene presentato ogni giorno sulla sua stampa.

Vogliamo sapere come siamo, all'estero, cosa pensano i circoli di noi, di cui per i prossimi anni il nostro destino dipende dal destino di tutto il mondo. E dovremmo pensare che ora dovremmo sapere che ora che nessuna "vittoria finale" e nessuna "resistenza" dipendono esclusivamente dal nostro non sapere. "Vogliamo sapere come è con noi, qui con noi dentro, per quanto tempo possiamo B. può ancora esercitarsi impunemente sul nuovo gioco di ginnastica senza pietà di felicità sulle leve della stampa musicale. E dovremmo pensare che le informazioni più semplici possibili sugli schemi meteorologici del nostro minaccioso fallimento ci siano più utili del rumore del ronzio Frasen, con il quale siamo sbalorditi: su "preoccupazioni völkische", "valori etici sociali" e cosa il pettegolezzo morale novello altrimenti su Schlern Promuove giorni. Ma no Di ciò che dobbiamo sapere, nessuna parola di morte! Ciò che realmente impariamo dagli editoriali e dai rapporti parlamentari è, al massimo, che i creatori della nostra opinione pubblica pensano che siamo incredibili sussulti di ragione e giudizio. Goethe era certamente un profondo obdurator dell'opinione pubblica; e le parole che possono essere lette sulla mente del lettore di giornali tedesco in Schopenhauer, non sono altro che lusinghiere. Ma i loro sentimenti e le parole sono ancora lievi, rispetto al disprezzo per il discernimento pubblico, che si riflette nella pratica dei nostri editori e scrittori di giornali.

Corrotta, frivola, pigra fino in fondo è la nostra economia monetaria e il modo in cui paghiamo le tasse, incassa e - paga. Almeno quanto corrotto, frivolo, pigro fino in fondo è il modo in cui siamo trattati alla verità. Solo che non si potrebbe esprimere questo fatto così duramente, così amaramente, così indignato. Come dice Goethe nella canzone Kophtic? "Imbroglia gli sciocchi come dovrebbe." Se vuoi solo sentire cosa ti prude le orecchie, non devi pentirti, se invece della verità gli viene presentato il timone. Proprio come un popolo ha il governo che lo merita, così come la stampa, che è abbastanza buona per questo. Il nuovo tedesco, dopo tutto, non lascia indistinto notare che la verità vale la pena.

Ma altre cose sono cadute nel corso del Nuovo Tedesco, come si può leggere di nuovo dal livello della sua stampa. Diligenza, solidità, ordine, disciplina sono le vecchie buone qualità del tedesco, profondamente radicato nella sua essenza e abilmente "martellato" dai suoi educatori storici, al fine di utilizzare questa espressione preferita tedesca preferita. I pericoli di trovarsi nelle trincee, di indugiare sui palcoscenici e nelle guarnigioni della patria, del cosiddetto bombardamento della rivoluzione, provocarono una temporanea eclissi di queste virtù. La perdita temporanea di questi beni morali ha ora suscitato un tale desiderio per loro, e il desiderio è suscitato dai fanatici da abili molestatori, in modo che su questo il nostro popolo dia altri beni, che sono anche beni morali, a buon mercato: intendo il senso di libertà la personalità e il senso di legge e giustizia.

Ciò che conta tra noi è ancora la libertà, se nel Wuerttemberg - non nella Prussia del vecchio stile, ma nello Stato libero del Wuerttemberg - un caso è diventato possibile, come nel caso di Wieland. Un giudice tiene una lezione su un argomento storico, una lezione sull'obiettività e sulla borsa di studio a referenza secca, una lezione che può essere criticata solo per aver offerto risultati di ricerca che nessun intenditore nega che qualsiasi studente di teologia potrebbe dire di avere ascoltò il suo semestre di volpe nelle sue aule. Questa conferenza è usata dal Ministro della Giustizia per citare l'oratore, un giudice, davanti ai suoi superiori e avviare una sorta di procedimento disciplinare contro di lui. E quando al ministro viene ricordata la costituzione, la "costituzione più libera del mondo" in cui è stato attivo, fa cenno alla legge del servizio civile, che, a quanto pare, dichiara "rispetto per gli indegni" il semplice storico La verità determina. Siamo malandati e non sappiamo come. Una cosa del genere non sarebbe stata possibile tra i nostri Wilhelms: quelli del Wiirttemberg e quelli prussiani. Se un ministro di culto degli 80 del secolo scorso avesse osato, ad esempio, l'estetista F. Th. Vischer a causa delle sue parole davvero taglienti e pungenti sulla confessione - da leggere nei suoi canti lirici - per citare davanti ai suoi superiori - non l'esteta, il ministro avrebbe avuto metti la sedia davanti alla porta. E pensa ai signori del passato del Patto evangelico con i loro toni alti della cosiddetta "rabbia luterana contro il dopo cristianesimo romano". Una tempesta di indignazione non da sinistra, ma dal Centro liberale nazionale e dall'ala destra conservatrice avrebbe spazzato via il ministro, che aveva osato citare uno di questi lottatori davanti ai suoi superiori. Oggi, nessun gallo canta tale interferenza nella libertà di pensiero di un ministro ostile. La stampa borghese sentiva che era loro dovere sopprimere un fatto così senza precedenti dal loro pubblico. Potrebbe farlo perché la libertà di personalità di questo pubblico è considerata un galletto.

E giustizia e giustizia non sono molto più per lui e la sua stampa. Gli attuali governanti hanno recentemente protestato solennemente e con indignazione contro l'accusa di flessione del diritto. Ma come altro descrivere i fatti? Sono stati commessi atti violenti da sinistra e da destra. La spada della giustizia tedesca è stata tagliata a sinistra, ma non si può dire nulla. Se chi attacca la spada muore di spada, non c'è motivo di indignazione. Ma ciò che è stato giustamente peccato non ha trovato o solo una ridicola espiazione. Gli alti traditori, che con il piede stivale e speronato del governo di Noske hanno dato il via al loro volo da Berlino a Stoccarda, non si piegano i capelli; Sono letteralmente invitati ad avventurarsi in una seconda danza. Se la giustizia è il fondamento degli imperi, il cosiddetto Stato libero di Germania si erge su piedi traballanti. La stragrande maggioranza dei lettori di giornali tedeschi benestanti non ha la minima idea di questa doppia misura standard.

Cosa segue da tutto questo? Vogliamo un giornale che non ci nutre quotidianamente di bugie, di menzogne ​​della mamma, di luogotenenti di partito, di bugie ufficiali; Vogliamo un giornale il cui leader non ha bisogno di essere un angelo o un ragazzo modello, che può anche sculacciarsi una volta, perché Dio gli ha dato l'ira della libertà di parola, di cui abbiamo solo bisogno di sapere l'unica cosa, che è un uomo retto non chiedere altro che la sua onesta convinzione. Un giornale del genere non ci disturba tanto quanto il pane quotidiano e possiamo essere felici che almeno nel Württemberg un avere tale.

1921, 6 Paul Sakmann

Bene che c'è anche un giornale della domenica!

Hermann Hesse