C'è un numero considerevole di tedeschi il cui curriculum vitae e il lavoro della vita hanno un significato esemplare per la prima metà di questo secolo. Ma per alcuni, il tessuto di quel tempo diventa così prominente e ben visibile come in Erich Schairer, che morì nell'anno 1956 all'età di sessantanove anni. >> leggi tutto

Su 2. Ottobre 1946 è apparso per la prima volta nella sezione dedicata allo Stuttgarter Zeitung nella rubrica "Cinque minuti in tedesco". Volevo usarlo, anche solo sotto forma di un sospiro di shock (perché il documento era prezioso), per scrivere la rabbia per il cattivo tedesco dei contemporanei dell'anima, che soffrivo professionalmente su base giornaliera. >> leggi tutto

Su 2. Ottobre 1946 è apparso per la prima volta nella sezione dedicata allo Stuttgarter Zeitung nella rubrica "Cinque minuti in tedesco". Volevo usarlo, anche solo sotto forma di un sospiro di shock (perché il documento era prezioso), per scrivere la rabbia per il cattivo tedesco dei contemporanei dell'anima, che soffrivo professionalmente su base giornaliera. Non mancava davvero materiale per questo piccolo angolo linguistico ... >> leggi tutto

di Reinhard Appel. Il suo accordo di base era socialista, ma le variazioni sviluppate erano una composizione liberale. Non sarebbe possibile premere il democratico e repubblicano Erich Schairer in un modello partigiano ... >> leggi tutto

Oggi un editore e un giornalista come Erich Schairer sono appena concepibili. Il suo credo era: la lotta contro la chiesa, il capitalismo, per il servizio pubblico e la giustizia. All'inizio di 1937, i nazisti imponevano un divieto alla sua professione e 1946 divenne co-editore dello "Stuttgarter Zeitung". Su 21. A ottobre 2012 avrebbe avuto 125 anni. DA KURT OESTERLE >> leggi tutto

5.10.1987, di Martin Hohnecker. Quando aveva perso 1919 a causa del sentimento socialista del caporedattore dell'Heilbronn "Neckar-Zeitung", ha fondato il suo giornale: il pacifista radicale democratico, astenendosi per anni dal "quotidiano domenicale". Quando 1936 ha esortato i nazionalsocialisti fuori dal comitato editoriale, ha presentato una domanda di lavoro in questo diario e poi è stato coinvolto come rappresentante del vino. >> leggi tutto

Il tricolore blu-bianco-rosso svolazzava sulla cattedrale. Perché proprio il giorno prima dell'apertura del Consiglio d'Europa, l'25. Novembre 1952, il popolo di Strasburgo ha avuto qualcos'altro da celebrare: il giorno della liberazione e l'inaugurazione di un memoriale per il loro liberatore, il Generale Leclerc ... >> leggi tutto

In una calda notte d'estate si sentivano accordi che si scioglievano dolcemente in uno degli angoli retti di un triangolo rettangolo. in >> leggi tutto

Sempre più spesso l'idea eretica che l'uomo non sia la corona della creazione, ma una costruzione difettosa, destinata a declinare come i dinosauri del periodo giurassico, perché è incapace, diciamolo semplicemente: perché è troppo stupido ... >> leggi tutto

11.5.2012, di Achim Wörner. Martin Hohnecker ha plasmato la StZ, dove è rimasto fedele a 2004 anche dopo il suo ritiro, in oltre quattro decenni come nessun altro editore. Era un virtuoso della lingua, un eccellente scrittore, un favorito tra i lettori, uno spirito innovativo e creativo ... >> leggi tutto