All'50. Compleanno di Josef Eberle

[08.09.1951] All'inizio doveva essere 1926, quando ho trovato una lettera nella mia casella di posta sul "Sonntagszeitung" di Lipsia, con un carattere carino, piccolo e compatto che mi è subito piaciuto. Un giovane assistente di libreria di nome Josef Eberle offrì un manoscritto. Vidi subito che poteva fare qualcosa che pochi scrittori possono permettersi: la cosiddetta piccola forma. Da allora in poi, Tyll, che era lo pseudonimo di Eberle, era un dipendente del mio "Sonntagszeitung". Ben presto si è scoperto che sapeva anche esprimersi in versi. Su 2. Possa 1926 apparire come il primo poema di Tyll "Inno alla stupidità"che conosco ancora a memoria oggi, e la cui prima strofa, francamente, a volte mi viene in mente:

"Fammi avvolgere ghirlande attorno al tuo piedistallo
da immortelle e pervinche.
L'onnipotenza del tuo trono non svanirà mai,
e strappare lo scettro dalla tua mano
è uno sforzo arduo ma inutile ".

Alla fine dell'estate 1926 ci siamo visti per la prima volta quando Tyll mi ha fatto visita nel mio ufficio editoriale al terzo piano di Lange Strasse 18 a Stoccarda. Fu inserito nel nostro attuale club Ringnatz 4, che era presso il suo membro Willy Widmann nel "Taverna alsaziana" usato per incontrarsi, con o senza Ringelnatz; e un giorno Eberle-Tyll venne anche con un altro collega del "Sonntagszeitung", il mio vecchio amico Dr. Owlglass da Simplicissimus, insieme, a cui era in qualche modo congeniale. Sono ancora contento oggi di essere stato in grado di stabilire la connessione tra i due, nonché la consapevolezza di aver scoperto lo scrittore e poeta Eberle venticinque anni fa, per così dire. Non so se posso affermare di averlo fortemente supportato. Grandi commissioni non potevano pagare il "Sonntagszeitung". Fondamentalmente, probabilmente era più di allora er il donatore, anche se a volte era un po 'pigro nella poesia.

Da un soggiorno a Parigi nell'anno 1927, che in realtà aveva preso come reporter del "Sunday paper", ha z. B. tranne lettere per denaro nessuna riga scritta. Ma ancora una volta, ogni numero ha portato qualcosa di Tyll e la crescente diffusione ha dimostrato che i suoi prodotti critici e satirici hanno reso i lettori tanto piacere quanto me. Ci sono cose magnifiche tra loro, che per inciso sono in parte aggiornate di nuovo oggi. Un nastro "Lieve e salutare" è apparso 1928 e probabilmente una rarità, perché nel Terzo Reich non dovresti avere una cosa del genere. Nel secondo, non era senza pericolo condurre una penna così coraggiosamente contraria ai poteri al potere, vedi "Inno alla stupidità!" eppure eravamo solo una volta in tribunale - era la cosa dei Woodhead - e scappavamo con 50 Mark.

Oggi, dopo che entrambe le parti sono sopravvissute a Hitler, ora siamo di nuovo insieme e cerchiamo, in poche parole, di impedirgli di tornare.

Parlato in Süddeutscher Rundfunk su 8. 9. 1951

http://erich-schairer.de/wp-content/uploads/mp3/ESzuJE50.mp3